Stadio Olimpico

Roma - 1990

Il sistema tensostrutturale adottato per la copertura dello Stadio Olimpico di Roma e' costituito da un sistema di 88 tensostrutture piane con fune portante/stabilizzante e pendini verticali, ordito radialmente con un distanziamento massimo di 12m.

Le funi all’esterno si ancorano, mediante dispositivi regolabili, in corrispondenza dei nodi di una struttura anulare reticolare spaziale; all’interno si collegano ad un anello interno teso. In funzione dello stato di sollecitazione e deformazione, le tensostrutture piane sono state dimensionate diversamente e riunite in due gruppi.

Al sistema di orditura radiale delle tensostrutture piane e' associata l'orditura secondaria di supporto del manto di copertura. Le travi sono realizzate con un traliccio reticolare, esse sono sospese al livello della fune stabilizzante e vincolate in semplice appoggio.

Il manto di copertura, appoggiato e collegato all'estradosso delle travi secondarie tubolari ad orditura parallela, e' costituito da una membrana in fibra di vetro spalmata con P.T.F.E.
Scheda Progetto
Prestazioni eseguite
Progettazione strutturale e architettonica preliminare, definitiva ed esecutiva
Committente
CONI
Anno
1990
Dimensioni
85 000 Posti
Superficie
50 000 m2
Importo
80.000.000 €

Articoli

Photogallery

MJW structures

Progettiamo grandi opere e soluzioni strutturali integrate nello spazio.